Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Soggetto:

Thierry Jonquet

Sceneggiatura:

Pedro Almodóvar

Regia:

Pedro Almodóvar

Prodotto da:

AGUSTÍN ALMODÓVAR E PEDRO ALMODÓVAR PER EL DESEO S.A.

Distribuito da:

WARNER BROS. PICTURES ITALIA

Edizione italiana:

CDC SEFIT GROUP

Dialoghi italiani:

FRANCESCO VAIRANO

Direttore del Doppiaggio:

FRANCESCO VAIRANO

Assistente al doppiaggio:

ANTONELLA BARTOLOMEI

Fonico di doppiaggio:

FABRIZIO SALUSTRI

Fonico di mix:

ALESSANDRO CHECCACCI

Sonorizzazione:

CDC SEFIT GROUP

Voci:

Antonio Banderas:

Antonio Sanna

Elena Anaya:

Federica De Bortoli

Marisa Paredes:

Serena Verdirosi

Jan Cornet:

Emiliano Coltorti

dialoghi
italiani
3
direzione
del doppiaggio
4

La pelle che abito
(La piel que habito, Spagna 2011)

Un film inquietante; non si parla di chirurgia per quarantenni insoddisfatte ma della follia di un uomo e delle gravissime conseguenze a cui tale follia porterà.
Il finale è commovente; chiunque può essere modificato “esternamente” ma non sarà mai possibile modificare l’Io, i propri sentimenti, i propri pensieri, insomma, la propria anima. (E quindi quelle poveracce che si tirano gli zigomi o si prosciugano la pappagorgia non saranno mai soddisfatte: cambiare ciò che è fuori non le renderà belle, solo misere: ricordate Pirandello?)
Parliamo d’altro, cioè del film: non c’è che dire, acchiappa; il dialoghista rende tutto molto fluido, ma alcuni scivoloni ci riportano, ahimé, in sala, e neanche troppo comodi.
Peccato per «Mi hanno detto la novità» (strana espressione per una madre a cui hanno comunicato la presunta morte del figlio); «Se continui su questo argomento» (non sarebbe stato meglio «se continui a parlare così»? o qualcosa di simile); «Se mi piaceva tanto me lo mettessi io»: la poltrona era diventata così scomoda!
Con un piccolo sforzo il dialoghista, che tanto apprezziamo, avrebbe fatto un lavoro eccellente.
È andata molto bene invece con la scelta e la direzione delle voci.
Ottimo Antonio Sanna su Banderas, vero lucido folle, e brava anche Serena Verdirosi: chi l’avrebbe detto che sapeva tutto ed era l’origine di tutti i matti presenti?
La De Bortoli se la cava; risulta sempre molto controllata, ma forse è una scelta. D’altra parte deve cercare di sopravvivere, e non è detto che lo yoga sia sufficiente. Emiliano Coltorti, malgrado sia presente limitatamente, ci dona un personaggio vero, reale: ci è piaciuto moltissimo.

Arturo Pennazzi

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.