Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Sceneggiatura:

Benoît Delépine, Gustave Kervern

Regia:

Benoît Delépine, Gustave Kervern

Prodotto da:

GMT PRODUCTIONS, NO MONEY PRODUCTIONS, ARTE FRANCE CINÉMA, DD PRODUCTIONS, MONKEY PACK FILMS

Distribuito da:

FANDANGO

Edizione italiana:

TECHNICOLOR

Dialoghi italiani:

GIOVANNA FLORIO

Direttore del Doppiaggio:

RODOLFO BIANCHI

Assistente al doppiaggio:

FRANCESCA RIZZITIELLO

Fonico di doppiaggio:

MARIO FREZZA

Fonico di mix:

ANDREA ROVERSI

Voci:

Gérard Depardieu:

RODOLFO BIANCHI

Yolande Moreau:

FRANCESCA DRAGHETTI

Isabelle Adjani:

ROBERTA PELLINI

Miss Ming:

DOMITILLA D'AMICO

Benoît Poelvoorde:

AMBROGIO COLOMBO

Blutch:

OLIVIERO DINELLI

Anna Mouglalis:

ALESSANDRA CASSIOLI

Philippe Nahon:

FRANCO ODOARDI

Albert Delpy:

BRUNO ALESSANDRO

dialoghi
italiani
2
direzione
del doppiaggio
3,5

Mammuth
(Mammuth, Francia 2010)

La ricostruzione della propria storia contributiva come metafora del destino umano di dover fare i conti con il passato, anzi come unico momento in cui questo mondo fatto di dare e avere ci obbliga a guardarci indietro. Il grande e grosso Serge Pilardosse parte, appunto, sulla sua vecchia Münch Mammuth alla ricerca dei documenti che gli permetteranno di andare in pensione; non troverà né i documenti né i suoi vecchi datori di lavoro, ma ritroverà se stesso, farà pace con i suoi sensi di colpa (la morte, verosimilmente in un incidente di moto, della fidanzata Isabelle Adjani) e darà un nuovo valore alle cose che ha.
Detto così, sembra molto bello. Il film invece è un po’ deludente, probabilmente anche a causa dell’eccesso di aspettativa, perché il tutto rimane come al centro di un guado senza il coraggio di superarlo, e i momenti di adorabile folle poesia, come tutta la parte della nipotina Miss Ming, o di grottesco assoluto, come l’incontro con il vecchio cugino con cui Serge si ritrova a rivangare il passatempo masturbatorio comune, si alternano a lunghe stasi narrative.
Altrettanto deludente il doppiaggio. Buone le interpretazioni di Rodolfo Bianchi (Depardieu), Francesca Draghetti (la Moreau) e Domitilla D’Amico (Miss Ming), ma del tutto insufficiente l’adattamento, che, oltre ad essere molto approssimativo sul piano del sinc, è spesso letterale (nella scena del gioco della cacca-golf la cosa è talmente palese che nonostante la totale incomprensibiltà del dialogo, si intuisce chiaramente il parlato originale).
Una serie di occasioni perse, insomma, per inesperienza e/o per mancanza di coraggio, rendono il dialogo asfittico, ripetitivo, completamente privo della caratterizzazione che pure i personaggi sprizzano da tutti i pori. Esempio principe il personaggio della moglie, una grande Yolande Moreau con una faccia piena di significati, che nella versione italiana la Draghetti stenta a far esprimere, mancandole ogni appoggio testuale.
Anche la terminologia pensionistica è poco accurata, mentre una maggior precisione lessicale avrebbe reso l’incontro tra la realtà sociale e il mondo individuale molto più ridicolo e grottesco. Poca attenzione anche ai termini motociclistici: una non meglio identificata Honda 2000 e «la due tempi» (si dice «il due tempi») rendono inverosimile il dialogo tra i due vecchi centauri.

Giovanni Rampazzo

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.