Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Sceneggiatura:

Terry Gilliam, Charles McKeown

Regia:

Terry Gilliam

Prodotto da:

AMY GILLIAM, SAMUEL HADIDA E WILLIAM VINCE PER DAVIS-FILMS, INFINITY FEATURES ENTERTAINMENT

Distribuito da:

MOVIEMAX

Edizione italiana:

STUDIO ASCI

Dialoghi italiani:

MARIO CORDOVA

Direttore del Doppiaggio:

MARIO CORDOVA

Assistente al doppiaggio:

SILVIA MENOZZI

Fonico di doppiaggio:

MARIO FREZZA

Fonico di mix:

MARCO COPPOLECCHIA

Sonorizzazione:

TECHNICOLOR SOUND SERVICES

Voci:

Heath Ledger:

MARCO FOSCHI

Johnny Depp:

FABIO BOCCANERA

Jude Law:

NISEEM ONORATO

Colin Farrell:

SIMONE D'ANDREA

Christopher Plummer:

GIANNI MUSY

Andrew Garfield:

NANNI BALDINI

Lily Cole:

MARIA LETIZIA SCIFONI

Verne Troyer:

EDOARDO NEVOLA

Tom Waits:

LUCA BIAGINI

dialoghi
italiani
2,5
direzione
del doppiaggio
4

Parnassus - L'uomo che voleva ingannare il diavolo
(The Imaginarium of Doctor Parnassus, Usa 2009)

Grande affrescatore di incubi sontuosi Terry Gilliam, e gran maestro di goticherie ancestrali, ma soprattuttto geniale e minuzioso illustratore del delirio alcolico, a cui molto si è disposti a perdonare; il troppo indugiare, l’indulgere al birignao di qualche attore tendente allo sbrodolio, ma l’insieme, il parto fantastico supera il ragionevole difetto e l’inganno è perfettamente consumato per la nostra intima gioia: più che lo svampito Faust, in salsa dickensiana, L’Ulisse spazia nello spazio-tempo filmico e ci dona la sua oppiacea fantasia che flotta da Yellow Submarine a Körkarlen, da Lo scimmiotto di pietra di Wu Cheng'en alle cupe grazie prospettiche di Edward Gorey. Quanto oggi di più necessario per resistere allo squallido piattume ammannito a badilate digitali dagli imperanti signori e signore del male per le loro mire, segno che possiamo ancora sperare, ma solo grazie al miracolo della poesia, in ogni sua forma, per renderci consapevoli e refrattari. Un miracolo anche produttivo, chissà quante anime sarà costato. Magistrale Plummer, a cui manca solo un po’ di visibile ipersalivazione, doppiato magistralmente da Gianni Musy, come anche Waits, a cui Luca Biagini si sovrappone alla perfezione. Ben scelto e bravissimo anche Edoardo Nevola su Percy, un Verne Troyer di gran rilievo. I quattro Toni sono nella norma, bravi ma lasciati un po’ fare, mentre le voci scelte per Anton (un po’ sopra le righe) e Valentina (che non trova le righe giuste) mi hanno lasciata perplessa; certo, questione di sfumature in cui vale il principio della scelta soggettiva. Il dialogo è senza svolazzi, non fa sognare come il décor ma ha ritmo, salvo essere poco comprensibile nelle scene “caotiche”, ma la cosa è comprensibile. Piccola pecca il far leggere a Valentina in fuoricampo il titolo della rivista “La casa ideale”, il senso era chiaro e comunque pochissimo dopo Anton lo chiarirà in modo esplicito. Altra pecca i troppi «okay» inseriti, davvero troppi. Poi, un interrogativo inquietante che ci costringe malvolentieri a sterzare sul sospetto inesistente incesto: ma perché Parnassus chiama la figlia «Bocconcino»? Sentito infine Percy dire a Parnassus: «Dovrai dirgli la verità», riferito a Valentina. Errore imbarazzante invece nel cartello finale (ma qui forse il dialoghista non c’entra) che dedica il film al protagonista prematuramente scomparso: «A film from Heath Ledger friends» diventa «Un film di Heath Ledger e amici».

Marnie Bannister

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.