Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Sceneggiatura:

Paul Laverty

Regia:

Ken Loach

Prodotto da:

SIXTEEN FILMS, TORNASOL FILMS, SPI INTERNAT., FILMSTIFTUNG NORDRHEIN-WESTFALEN, FILMFOUR, EMC, BIM

Distribuito da:

BIM

Edizione italiana:

CI.TI.EMME

Dialoghi italiani:

FABRIZIA CASTAGNOLI

Direttore del Doppiaggio:

FABRIZIA CASTAGNOLI

Assistente al doppiaggio:

ALESSIA LA MONICA

Fonico di doppiaggio:

ROBERTO ROSSI

Fonico di mix:

FABRIZIO PESCE

Sonorizzazione:

PCM AUDIO

Voci:

Kierston Wareing:

FRANCESCA FIORENTINI

Juliet Ellis:

LAURA BOCCANERA

Raymond Mearns:

LUIGI FERRARO

Colin Caughlin:

DANTE BIAGIONI

Leslaw Zurek:

OLEK MINCER

dialoghi
italiani
2,5
direzione
del doppiaggio
4

In questo mondo libero...
(It's a Free World..., Gb/Italia/Germania/Spagna 2007)

Non è più tempo per l’ironia di Riff Raff o di Piovono pietre. In questo mondo libero non rimane che l’amaro in bocca di essere solo personaggi di una guerra tra poveri, senza neanche la consolazione di un nemico visibile, di una signora Thatcher di turno con cui prendersela: in fondo siamo tutti come Angie, pronti a sfruttare chi sta solo un po’ peggio di noi. E non c’è nessuna speranza di riscatto, niente pane e rose da riconquistare: anche una donna giovane (categoria che più precaria non si può, da noi) può diventare inflessibile carnefice così, senza tante chiacchiere, solo perché ha già dovuto cambiare trenta lavori e tiene il criaturo. E a chi come il vecchio padre si chiede se stiamo tornando ai vecchi tempi, la risposta arriva chiara come una granata: no, quei tempi sono finiti con il funerale della classe operaia di Paul, Micky e gli altri, siamo ormai ben oltre ogni morale, ogni solidarietà, ogni umanità. A meno che non si voglia prendere in considerazione l’unica risposta possibile in un mondo del lavoro in cui gli attori classici (classe operaia – padroni – sindacato) sono saltati: la nascita dalla base di cellule violente – ultima spiaggia dell’umanità incatenata - che rispondano agli effetti del pensiero unico colpo su colpo.

La versione italiana di In questo mondo libero è condotta con qualche sciatteria ma rimane nella media della decenza, senza grandi voli e con alcune cadute: tra tutte segnalo – oltre all’ennesimo “fottuto bastardo” che sarebbe dignitoso far sparire dal lessico del doppiaggese – l’uso di “lavoro temporaneo” a tradurre “temporary work” invece di “lavoro interinale”, scelta che, oltre a essere un inutile calco, rischia di nascondere il pericolo della nostrana, apparentemente moderna e innocua, definizione. C’è, insomma, come la sensazione che si sarebbe potuto fare di più, anche sul piano del sinc, piuttosto trascurato. Buona invece la direzione, attenta sempre a riprodurre una recitazione naturale e spontanea. Molto azzeccata la scelta delle voci, tutte ben incollate ai rispettivi ruoli.

Dicevamo che si sarebbe forse potuto fare di più, almeno noi che crediamo che il doppiaggio – se ben fatto – sia una benedizione, sicuramente per i distributori, ma anche per gli autori. Ken Loach invece è tra quelli che tuonano contro l’aberrante e infame pratica e poi fanno gli struzzi accettando che la loro opera sia doppiata, anche senza garanzie. Ci piacerebbe una sua, anche tardiva, presa di coscienza.

Giovanni Rampazzo

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.