Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Soggetto:

Jean-Pierre Améris, Philippe Blasband

Sceneggiatura:

Jean-Pierre Améris, Philippe Blasband

Regia:

Jean-Pierre Améris

Prodotto da:

Pan Européenne, StudioCanal, France 3 Cinéma, Rhône-Alpes Cinéma, Climax Films, RTBF

Distribuito da:

Lucky Red

Edizione italiana:

CDC Sefit

Dialoghi italiani:

Paolo Modugno

Direttore del Doppiaggio:

Ludovica Modugno

Assistente al doppiaggio:

SILVIA FERRI

Fonico di doppiaggio:

WALTER MANNINA

Fonico di mix:

FABIO TOSTI

Voci:

Benoît Poelvoorde:

MINO CAPRIO

Isabelle Carré:

SELVAGGIA QUATTRINI

Lorella Cravotta:

PAOLA GIANNETTI

Lise Lamétrie:

PAILA PAVESE

Swann Arlaud:

ALESSIO NISSOLINO

Pierre Niney:

FLAVIO AQUILONE

Stéphan Wojtowicz:

BRUNO ALESSANDRO

Jean-Yves Chatelais:

GIORGIO FAVRETTO

dialoghi
italiani
4,5
direzione
del doppiaggio
4,5

Emotivi anonimi
(Les émotifs anonymes, Francia/Belgio 2010)

Ma tu guarda questi francesi. Non sarà certo perché più di cent’anni fa hanno inventato il cinema che riescono a sfornarti queste commedie deliziose che ti mettono in pace con te stesso e gli uomini, e ti fanno dimenticare per un attimo quanto questi ultimi sono cattivi. Sarà giusto perché di mezzo c’è la cioccolata che ci aiuta a immaginare che forse la vita ha qualche aspetto che rende meno insopportabile tutto il resto. Che idea, costruire un film intorno alla timidezza e riuscire a tenerlo in piedi grazie alla leggerezza della sua struttura; ma grazie anche a una scrittura e a una regia eleganti, e anche solide, attente e capaci di dirigere gli attori nei minimi dettagli. E di cioccolata devono averne mangiata parecchia anche Paolo e Ludovica Modugno per entrare nello stato necessario a riprodurre con grazia e raffinatezza le tante piccole sfumature di questa favolina. Sì, bravi tutti, a partire da un eccellente Mino Caprio fino a Giorgio Favretto che ci offre un gradevole cameo dando voce al portiere d’albergo. Paolo Modugno dal canto suo struttura un dialogo equilibrato e lieve, dando a ognuno le sue giuste parole, sempre attento a non uscire dalla dimensione onirica, o teobrominica.

Litta Moreno

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.