Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Prodotto da:

Universal Cable Productions

Edizione italiana:

E.T.S. European Television Service

Dialoghi italiani:

ANTONELLA DAMIGELLI, LUIGI CALABRO', ELEONORA DI FORTUNATO, ELISABETTA POLCI

Direttore del Doppiaggio:

GIORGIO BORGHETTI, LUCA WARD,

Assistente al doppiaggio:

ANDREA ROMERO

Fonico di doppiaggio:

MASSIMO VITERBINI

Fonico di mix:

SIMONE BERTOLOTTI

Trasmesso in Italia da:

Steel / Sci Fi - Syfy

Voci:

Eddie McClintock:

Adriano Giannini

Joanne Kelly:

Irene Di Valmo

Saul Rubinek:

Marco Mete

CCH Pounder:

Elena Bianca

Allison Scagliotti:

Georgia Lepore

Genelle Williams:

Francesca Manicone

Roger Rees:

Luca Dal Fabbro

dialoghi
italiani
4
direzione
del doppiaggio
4

Warehouse 13
(Warehouse 13, Usa 2009)

Serie deliziosa (e molto fantasiosa) che spazia dai richiami a Indiana Jones agli echi di Stargate con delicatezza e ironia. Ormai è del tutto chiaro - grazie ai Reggenti - che dio era una favoletta per umani citrulli e che le cose sono regolate diversamente in quanto la faccenda dell’universo etc è molto più complessa di quello che ci hanno fatto credere e mantenere l’equilibrio dell’immenso giocattolo prevede un’assiduità e una dedizione strenui che metterebbe alla prova qualsiasi entità, figuriamoci lo sparuto gruppo di umani volenterosi incaricati di recuperare e immagazzinare gli insidiosi artefatti portatori del “male”.
Gli alter ego nostrani, tutti ben scelti, si incastrano molto bene nei loro ruoli e la direzione riesce a muoverli mettendo in risalto la giusta naturalezza espressiva e un certo colore d’epoca che ben si sposa con lo scenario. Marco Mete, in particolare, si inserisce alla perfezione su Sal Roubinek, accompagnandolo in tutte le sfumature. Molto azzeccata anche Elena Bianca sulla signora Frederic, efficaci e brillanti i doppiatori dei due protagonisti, Irene Di Valmo e Adriano Giannini. Molto curati anche i dialoghi, sempre sostenuti e calzanti (anche come sinc), ironici al punto giusto - in alcune puntate anche divertenti - e senza scivolate. Un bel risultato per una serie, prodotto che rischia sempre incespicature o disarmonie causate dalla frammentazione della lavorazione.

Giacomo Depero

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.