Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Soggetto:

J. Michael Straczynski

Sceneggiatura:

J. Michael Straczynski

Regia:

Clint Eastwood

Prodotto da:

CLINT EASTWOOD, BRIAN GRAZER, RON HOWARD E ROBERT LORENZ PER IMAGINE ENTERTAINMENT, MALPASO PRODUCTI

Distribuito da:

Universal Pictures Italy

Edizione italiana:

PUMAISdue

Dialoghi italiani:

FIAMMA IZZO

Direttore del Doppiaggio:

GIUPPY IZZO

Assistente al doppiaggio:

EMANUELA FANTINI

Fonico di doppiaggio:

ANTONELLO GIORGIUCCI

Fonico di mix:

FRANCESCO CUCINELLI

Sonorizzazione:

TECHNICOLOR srl

Voci:

Angelina Jolie:

CLAUDIA CATANI

John Malkovich:

LUCA BIAGINI

Jason Butler Harner:

FRANCESCO BULCKAEN

Jeffrey Donovan:

FABIO BOCCANERA

Eddie Alderson:

MANUEL MELI

Denis O'Hare:

PASQUALE ANSELMO

Geoff Pierson:

SERGIO DI STEFANO

Michael Kelly:

PINO INSEGNO

Asher Axe:

JACOPO CASTAGNA

Devon Conti:

RUGGERO VALLI

Colm Feore:

STEFANO DE SANDO

Peter Gerety:

PAOLO LOMBARDI

Gattlin Griffith:

FRANCESCO MANGIAVACCHI

Pamela Dunlap:

CRISTINA DIAN

Reed Birney:

SAVERIO INDRIO

John Harrington Bland:

ROBERTO CERTOMA'

Peter Breitmayer:

GIANNI GIULIANO

Ryan Cutrona:

BRUNO ALESSANDRO

Michelle Gunn:

BARBARA DE BORTOLI

Frank Wood:

FRANCO MANNELLA

dialoghi
italiani
2,5
direzione
del doppiaggio
3,5

Changeling
(Changeling, Usa 2008)

Una storia vera, basata su documenti dell’epoca raccolti e studiati dal suo autore e sceneggiatore, J. Michael Straczynski, e raccontata in modo semplice e lineare da Clint Eastwood, che ne ha curato la regia e le musiche. Siamo a Los Angeles, fine anni ‘20. Fin dall’inizio, l’attenzione si concentra sulla protagonista della vicenda, Christine Collins (interpretata da Angelina Jolie) e su suo figlio Walter (Gattlin Griffith), la cui scomparsa segna per Christine l’inizio di una storia drammatica che la vedrà instancabile nella ricerca del figlio e determinata nella lotta contro l’incompetenza e la corruzione del Dipartimento di Polizia della città, guidato dal Capo della Polizia James E. Devis (Colm Feore) e dal Capitano J.J. Jones (Jeffrey Donovan): Christine non ritroverà mai il suo Walter ma, grazie al supporto del Reverendo Gustav Briegleb (John Malkovich), attirerà l’attenzione pubblica sul suo caso e riuscirà almeno ad avere giustizia.
Intensa l’interpretazione di Angelina Jolie che, anche grazie ai costumi d’epoca, diventa una sola cosa con Christine, un personaggio complesso che racchiude in sé la dolcezza e la fragilità di una donna, la modernità di una lavoratrice, la forza e la determinazione di una madre che né la disperazione né il senso di impotenza di fronte agli abusi delle istituzioni possono far venir meno. Ottima la scelta di Claudia Catani come voce italiana della Jolie, da lei già interpretata altre volte (in Mr & Mrs Smith, ad esempio), non solo per la somiglianza della voce, ma anche per la naturalezza con cui ha riproposto ogni singolo fiato dell’attrice americana (nonostante ne abbia aggiunto qualcuno anche quando non era necessario).
La direzione del doppiaggio è stata accurata nella scelta delle voci di protagonisti e non. Solo per citarne alcuni: il “radiofonico” Rev. Briegleb/Malkovich è stato affidato a Biagini, il Capitano Jones/Donovan a Boccanera – che ha reso il personaggio, se possibile, ancora più antipatico e supponente dell’originale, - il serial killer Gordon Northcott/J.B. Harner a Bulckaen, Carol Dexter/Ryan a Fiorentini e il Detective Ybarra/Kelly a Pino Insegno che, nonostante la diversità della voce - l’originale è più esile e meno impostata – lo ha interpretato egregiamente. Più artificiose invece le interpretazioni dei bambini che, come al solito, risultano un po’ forzate. Anche la ricostruzione dei brusii è ben fatta, nonostante questi risentano inevitabilmente del missaggio, che li allontana parecchio dall’auspicata naturalezza di cui sopra.
L’adattamento presenta alti e bassi: buona la resa stilistica del linguaggio un po’ affettato di inizio secolo e il rispetto dei riferimenti culturali essenziali per confermare la collocazione temporale della vicenda (la serie radiofonica Amos ‘n Andy, il riferimento al Presidente Coolidge, i film di Tom Mix). Eccessivo invece aver mantenuto altri riferimenti in lingua che stonano (“diner”, “coroner”, “l’ufficio del marshal”) o addirittura confondono le idee («In the clubs. Downtown» è stato reso con «Nei club. A Downtown», come se si trattasse del nome di una città!). Impossibile poi non notare alcuni calchi come «qualcuno in autorità» (per «someone in authority»), «apprezzo i suoi sentimenti» (per «I appreciate the sentiment»), fino ad arrivare alla traduzione letterale di quella che, dal contesto, è facilmente riconoscibile come espressione idiomatica: «Everybody knows women are fragile. I mean, they’re all emotions, no logic. There’s nothing going on upstairs» è stata resa con «Non succede niente al piano di sopra». A prima vista sembrerebbe un rimaneggiamento frettoloso in sala per aggiustare a tutti i costi il sync, ma l’attrice è di spalle dall’inizio alla fine della frase: non ci resta che pensare a un abbaglio di chi ha curato i dialoghi. Poco convincenti anche le espressioni «Piove grandine, neve e Democratici, fuori» (per «It’s raining cats, dogs, and Democrats out there») e «In culo a loro e al cavallo che li ha portati qui» (per «Fuck them and the horse they rode in on»).
Un ultimo appunto: non condivido la scelta di non aver tradotto i cartelli. Poco importa per le date, che sono comunque comprensibili. Ma i cartelli finali che danno informazioni importanti sulla conclusione della vicenda? Non solo una decisione simile spiazza il pubblico, ma soprattutto non è coerente con il resto del lavoro: se si decide di doppiare un prodotto, lo si deve fare fino alla fine.

Giuliana Sana

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.