Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Soggetto:

Paul Weitz

Regia:

Paul Weitz

Prodotto da:

DEPTH OF FIELD

Distribuito da:

BIM

Edizione italiana:

LaBiBi.it

Dialoghi italiani:

MARCO METE

Direttore del Doppiaggio:

MARCO METE

Assistente al doppiaggio:

CARLA METE

Fonico di mix:

RICCARDO CANINO

Voci:

Dennis Quaid:

MASSIMO ROSSI

Topher Grace:

NANNI BALDINI

Scarlett Johansson:

PERLA LIBERATORI

dialoghi
italiani
4
direzione
del doppiaggio
3,5

In Good Company
(In Good Company, Usa 2004)

Commediola in cui lei (Scarlett Johannson) è una giovanissima figlia di un papà tanto caro che però ha un capo molto più giovane di lui (Topher Grace) che inizialmente dovrà subire ma alla fine gli avrà insegnato a lavorare e a vivere. I dialoghi sono una fotografia di un certo modo di parlare molto usato ma che tutto è tranne un buon italiano, con neologismi che non stanno né in cielo né in terra.
Il linguaggio che usa il giovinotto è tipico degli impiegatucci aziendali incapaci di rapporti (anche di lavoro) leali, rampantucoli tutt’altro che forbiti che però, ahinoi, vanno tanto di moda oggi.
Stesso discorso per le voci, in particolar modo quella di Carter (Nanni Baldini), piuttosto antipatica nel dire “artista barra strafatto”, oppure “devi interfacciarti con me”, o nel fare il gesto che il caro Beppe Severgnini definisce come “grattatina di ascelle” e starebbe ad indicare il “fra virgolette”.
I rampantucoli sono sempre “ a mille”, le loro voci pure. Antipatiche.
Quindi direzione del doppiaggio ben legata ai dialoghi, almeno per quanto riguarda i personaggi interpretati da Dannis Quaid e Topher Grace.
La voce di Dennis Quaid è di mestiere, adeguata ad ogni circostanza, perfettamente in parte.
Carter andando avanti nella trama migliora nel carattere-e quindi nell’atteggiamento, e quindi nella sua espressione vocale, sicuramente più discreta e aggraziata nei modi.
Purtroppo Scarlett Johansson ha la solita vocina da Topo Gigio, timidina, molto “brava ragazza”; per carità, questo è il suo personaggio: però “ciao” che diventa “zao”è veramente troppo. In generale, comunque, un buon lavoro.

Vittoria Alessi

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.