Notizie Recensioni Interviste Prima Pagina Materiali Perditempo

Recensioni Reviews

Scheda

Soggetto:

Nichole Millard, Kathryn Price, Audrey Wells

Sceneggiatura:

Nichole Millard, Kathryn Price

Regia:

Andy Fickman

Prodotto da:

WALT DISNEY PICTURES, MAYHEM PICTURES, SANDMAN STUDIOS

Distribuito da:

WALT DISNEY STUDIOS MOTION PICTURES, ITALIA

Edizione italiana:

CVD

Dialoghi italiani:

VALERIO PICCOLO

Direttore del Doppiaggio:

MASSIMILIANO MANFREDI

Assistente al doppiaggio:

MONICA SIMONETTI

Fonico di doppiaggio:

ANTONELLO GIORGIUCCI

Fonico di mix:

MARCO COPPOLECCHIA

Sonorizzazione:

TECHNICOLOR SOUND SERVICES

Supervisione artistica:

ROBERTO MORVILLE

Voci:

Dwayne "The Rock" Johnson:

ROBERTO DRAGHETTI

Madison Pettis:

SARA LABIDI

Kyra Sedgwick:

ROBERTA PALADINI

Roselyn Sanchez:

STELLA MUSY

Paige Turco:

TIZIANA AVARISTA

dialoghi
italiani
4
direzione
del doppiaggio
4

Cambio di gioco
(The Game Plan, Usa 2007)

Tra i film usciti recentemente, questo Cambio di gioco, prodotto dalla Disney e distribuito vergognosamente pare in sole 15 copie in tutta Italia (in Campania al momento solo a Napoli in una sola sala con un solo spettacolo pomeridiano), meritava certamente di più. Confesso di essermi recato in sala nella calura estiva quasi solo per assistere alla proiezione del nuovo cartone animato di Pippo: Pippo e l’home theater, abbinato al film e che era stato adattato in italiano da me qualche mese fa. Pensavo che Cambio di gioco sarebbe stato noioso e dimenticabile quanto Underdog, altra produzione Disney da me visionata  recentemente e quasi del tutto dimenticabile. Invece… mi sono trovato di fronte ad una commedia familiare garbata in puro stile disneyano, magari un po’ scontata, ma godibile e coinvolgente, ben diretta ed interpretata, in cui il protagonista Dwayne “The Rock” Johnson scherza amabilmente col suo personaggio e si produce in un paio di “performances” del tutto inedite come cantante alla Elvis e come ballerino classico. La trama ci presenta il campione di football americano Joe Kingman che, in procinto di vincere il campionato si trova tra capo e collo una pestifera figlia di otto anni, Peyton (Madison Pettis) che non sapeva di aver avuto dall’ex moglie. Il povero Joe si trova a dover conciliare le nuove responsabilità paterne con le esigenze di squadra, con la sua bellicosa ed irreprensibile mega-agente, Stella, pronta a tutto per incassare dollaroni (una spiritosa Kyra Sedgwick) e con i nuovi sentimenti che sente sbocciare per l’insegnante di danza di Peyton, Monique (la bella e caliente Roselyn Sanchez). E' chiaro che lo spettatore medio comprende benissimo come andrà a finire, ma lo svolgimento della trama è condotto con garbo, il regista Andy Fickman padroneggia con sicurezza montaggio ed inquadrature in Panavision (la sequenza del saggio di danza di Peyton con il maschione Joe che diventa un prodigio di grazia nel ruolo di un albero in calzamaglia è da antologia) e gli attori sono convincenti e sembrano credere molto a quel che fanno. La piccola Madison Pettis, al suo debutto nel ruolo di Peyton, è perfetta, dolce e petulante al punto giusto, il mastodontico “The Rock” passa con disinvoltura da toni tronfi e spavaldi ad una inedita dolcezza e commozione e Kyra Sedgwick è irresistibile quando tenta di autoconvincersi della bontà degli hamburger dello sponsor. Insomma, non un blockbuster ma un film assolutamente riuscito, che infatti ha avuto un buon successo in America, dove il “family entertainment” di qualità è ancora vincente al botteghino. Per quanto riguarda il doppiaggio, curato al solito dalla Disney Character Voices International con la collaborazione della CVD, si tratta di un lavoro che ho trovato molto ben fatto, con dialoghi ben scritti e spiritosi (opera di Valerio Piccolo) e voci ben distribuite (l’ottima direzione del doppiaggio è di Massimiliano Manfredi). La piccola Sara Labidi è molto convincente nel ruolo di Peyton, con una notevole varietà di toni, dall’ingenuo allo stupito all’arrabbiato. Roberto Draghetti ha doppiato il protagonista “The Rock” con grande bravura, assecondando con sapienza i sottili mutamenti del personaggio. Roberta Paladini ha brillantemente trasfuso nel nostro idioma la deliziosa caratterizzazione di Kyra Sedgwick, e non le è da meno Stella Musy, simpatica ed azzeccata voce di Roselyn Sanchez. In conclusione, un film che consiglio a tutti, da recuperare assolutamente in dvd se non riuscite a gustarlo in sala. Per quanto riguarda il cartone animato di Pippo abbinato alla pellicola, totalmente ed ignominiosamente ignorato dalla distribuzione nella pubblicità, è molto carino. E’ anche un titolo storicamente importante in quanto prosegue idealmente la famosa serie di shorts di Pippo degli anni ’40 e ’50 della serie How to… in cui il nostro protagonista ci mostrava come NON andassero praticati alcuni popolari sport. In questo episodio, Pippo acquista ed installa in casa un impianto audio video di ultima generazione, ma i risultati saranno prevedibili. Il doppiaggio è stato ben diretto (per la Royfilm) da Leslie La Penna, la narrazione è affidata all’irresistibile voce di Michele Kalamera, Pippo è al solito doppiato da Roberto Pedicini (peccato, per poche battute). Per la qualità dell’adattamento, mi piacerebbe ascoltare i vostri commenti…

Nunziante Valoroso

aggiungi il tuo punto di vista

La redazione si riserva la facoltà di pubblicare i contributi inviati, fatto salvo ovviamente ogni diritto di replica.

 

 

 

Avvertenze legali ~·~ © 2005~2013 aSinc.it ~·~ Tutti i diritti riservati.